Una presentazione ben studiata, è una presentazione interessante

17 gennaio 2018

Autore: Chirone

Le presentazioni ai congressi devono essere ben studiate e preparate per dare un'immagine di qualità al vostro lavoro davanti a colleghi e clienti.

Abbiamo tutti presente la classica presentazione ai congressi, i contenuti possono essere molto interessanti, ma il formato spesso confonde o annoia terribilmente. In altre parole è poco efficace e chi esce dalla stanza finisce per dimenticarsi il chi e che cosa sia stato detto nel giro di una giornata, forse.
Una presentazione curata, che illustri i contenuti in un ordine logico e coerente, abbia testi leggibili e immagini che li accompagnino può davvero portare a un livello più alto la qualità del vostro lavoro e raggiungere il suo scopo, colpire l’assemblea e interessarla.

1: La scaletta

Nel pensare a una presentazione si parte dai contenuti, e fin qui suonerebbe facile, basta buttare giù una scaletta. Bisogna però rendere quella scaletta chiara e coerente, che segua un ordine logico e sia divisa in capitoli. La cosa migliore è presentare per sommi capi quello di cui si andrà a parlare fin dall’inizio e dopo un capitolo alla volta.
Anche il testo scritto contenuto nelle slide va curato e studiato attentamente. Voler inserire troppe cose le rende illeggibili e spinge a scegliere tra il leggere oppure l’ascoltare il relatore, finendo magari per provare a fare entrambi e uscire solo con tanta confusione e un gran mal di testa. Il testo deve essere ridotto all’osso, giusto per evidenziare quella manciata di parole chiave che vogliamo rimangano impresse al nostro pubblico. Ci sarà poi il parlato per chiarire ed approfondire tutti i concetti.
Le foto e i video sono elementi fondamentali di una buona presentazione, aiutano a mantenere viva l’attenzione dando un ritmo vivace e partecipativo. Certo devono essere coerenti con il contenuto e di buona qualità.
Alla fine della presentazione è sempre una buona idea ricapitolare brevemente i contenuti e lasciare una slide con i propri contatti durante il periodo per le domande, così che sia facile mettersi a contatto con voi.

2: Curare la Grafica

Decisi i contenuti è il caso di non trascurare la grafica. Prima di tutto deve avere un formato corretto per il supporto che proietterà la vostra presentazione, senza fasce nere attorno o peggio che finisca tagliata e risulti illeggibile.
La coerenza dei contenuti deve essere accompagnata da una coerenza visiva, una griglia che possa allineare testi e immagini e dare loro una struttura unica rende di ottima qualità la resa visiva ed è più facile da seguire. Questo significa anche uno stile semplice sia nei colori che nei caratteri, senza troppe variazioni e che facciano risultare il testo non leggibile e il contenuto confuso. Da evitare sono anche gli effetti grafici eccessivi, che rendono il tutto pesante.

3: Il successo

Chirone si propone di aiutarvi a rimanere impressi nel pubblico dei congressi per le vostre caratteristiche e per quello che volete trasmettere loro. Risultare chiari nel presentare una nuova tecnica o un nuovo prodotto non può che stimolare la voglia di approfondire quanto scoperto e quindi realizzare lo scopo della vostra presentazione. Lasciare un buon ricordo di sé nelle occasioni pubbliche è sempre un’aggiunta all’immagine generale della propria attività, non solo tra i vostri clienti, ma anche tra i vostri colleghi.

Articoli recenti

Le cure attraverso il web: affrontiamo il problema

Sono finiti i tempi in cui i pazienti arrivavano in studio con un problema cercando la soluzione. Ormai tutti pensano di averla in tasca, dopo una ricerca su Google e una lettura di una manciata di minuti. Il medico serve ormai solo per mettere la firma sulla ricetta o al massimo eseguire il trattamento.

Continua a leggere

Concorrenza: conosci il tuo avversario

Perché fare un’analisi della concorrenza? Quattro buoni motivi: per conoscere, scoprire, ispirarsi e costruire.

Continua a leggere